Perchè Rinkwein?
Come ha preso lo Chalet questo nome?

A Rina ha vissuto diverse centinaia di anni fa, una famiglia nobile chiamata "Rinkwein". Si dice che il luogo di nascita di mia madre è stata costruita sulle mura del piccolo castello 'Rinkwein'"

                                    Il proprietario dello Chalet- Alberto Promberger

Un figlio della famiglia nobile si chiamava Kaspar Rinkwein di Turnarötsch (è interessante il fatto che questo figlio aveva lo stesso nome del maso "Turnaretscher" al quale appartiene lo chalet) Questo cavaliere Kasper Rinkwein von Turnerötsch di Rina ha fatto realizzare nel 1460 per la chiesa parrocchiale di Marebbe una grande campana (questa è stata venduta nel 1905 al Museo Ferdinandeum di Innsbruck). Tutto questo però con la condizione che essa sarebbe stata suonata al suo arrivo in chiesa. Per percorrere la strada da Rina/Turnarötsch alla parrocchia di Santa Maria ci si metteva probabilmente tre ore. Da quel giorno ogniqualvolta che il cavaliere cavalcava sul suo cavallo bianco da Rina fino alla parrocchia il suo servo faceva un fuoco enorme che si vedeva fino alla parrocchia. Nella parrocchia si cominciava subito a suonare la campana fino a quando non si vedeva apparire il cavallo del cavaliere.

In seguito la famiglia Rinkwein si è stabilita a San Lorenza dove poi la linea nobile si è estinta. Nel corso del tempo le proprietà di Rinkwein a Rina sono stati passate agli agricoltori locali nel corso del tempo.